L’introduzione del BIM nella normativa europea

0
64

Nello scenario europeo il cardine normativo per l’introduzione del Building Information Modeling è la Direttiva 2014/24/EU del Parlamento Europeo e del Consiglio.

Introdotta nel 2014, la normativa obbliga gli Stati membri dell’UE alla promozione e all’adeguamento al BIM per i lavori pubblici entro il 2016.

Nello specifico, l’art. 22 comma 4 della versione inglese indica chiaramente che per gli appalti pubblici e i concorsi di progettazione gli Stati Membri possono richiedere l’uso di strumenti elettronici specifici, come gli strumenti di building information electronic modeling o simili.

Nella versione italiana questo articolo non presenta questo dettaglio, ma solo un generico riferimento a strumenti di simulazione elettronica per le informazioni edilizie o simili: viene quindi rimosso ogni riferimento ad una metodologia che determini un coordinamento tra le discipline e le figure professionali coinvolte.

Per conoscere i dettagli della normativa italiana in merito al Nuovo Codice degli Appalti, clicca qui.

Commenta